Ritorno al futuro

L'impatto del progresso tecnologico dei veicoli senza conducente sull'industria delle pellicole oscuranti per auto
28 Dec 2015 - by Admin - Fonte: Glass.com
pellicole per auto

Quale sarà l’impatto dell’industria delle auto senza conducente sull’industria delle pellicole oscuranti? Dove c'è il vetro di un auto, ci può essere un pellicola. Ma cosa succederebbe se i vetri degli automezzi fossero aboliti del tutto? Con aziende come Google, Mercedes-Benz e molti altri in via di sviluppo di veicoli senza conducente, queste auto robot stanno per diventare una realtà e possono essere prive di vetri. Ciò solleva la questione: quale sarà l'impatto sull’industria delle pellicole oscuranti per auto?

"I vetri non sono necessari quando non c'è nessun essere umano dentro un veicolo che ha bisogno di vedere e scegliere un percorso", scrive Peter Wayner, scrittore tech per The Atlantic. Doron Levin di Fortune Magazine domanda: "Cosa succede quando nevica?”. Con i nuovi articoli che escono ogni giorno sui veicoli senza conducente, può essere difficile sapere cosa aspettarsi. "L’autonomia è un problema molto difficile da risolvere", spiega Zachary Doerzaph, il direttore del Center for Advanced Automotive Research (CAAR) presso la Virginia Tech Transportation Institute. "Noi del settore vediamo la comunicazione veicolo-veicolo (V2V) come un trampolino di lancio per i veicoli completamente autonomi." Secondo la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), la V2V è una tecnologia di prevenzione delle collisioni che si basa sulla comunicazione delle informazioni tra i veicoli vicini per avvisare i conducenti circa situazioni pericolose che potrebbero portare ad un incidente. Ad esempio, la V2V potrebbe avvertire un conducente che un veicolo più avanti sta frenando e che si deve rallentare, oppure avvisare che è rischioso procedere attraverso un incrocio, perché un'altra macchina non vista dal conducente si sta avvicinando rapidamente.
La CAAR sta studiando sia la comunicazione V2V che sistemi automatizzati. Il SUV che usa la comunicazione V2V può percepire quando dei lavori in corso sono nelle vicinanze e fornisce al conducente l’avvertimento di rallentare. Il veicolo può anche rallentare automaticamente se il conducente per qualche motivo ignora l'avvertimento. Così, mentre i veicoli completamente autonomi stanno arrivando, Doerzaph ritiene che i primi modelli saranno un mix di comunicazione V2V e sistemi automatizzati, che ancora richiedono una qualche forma di controllo da parte di un conducente. Questo significa che su questi veicoli le pellicole oscuranti potrebbero ancora essere utilizzate. Cosa ne pensano i veterani del settore del vetro per autoveicoli?

Le pellicole oscuranti spariranno?
Dal 1970, in realtà , la superficie vetrata degli autoveicoli è in aumento, afferma Keith Beveridge, vice presidente senior di Novus, un franchising di riparazioni del parabrezza. "Faccio fatica a immaginare che il vetro potrebbe essere gradualmente eliminato", dice. "A nessuno piace stare al buio o senza vista. Abbiamo fatto tanti progressi con il vetro nel corso degli anni, credo che ci sarà sempre una sorta di oblò sui veicoli, sia che si tratti di Gorilla Glass o materie plastiche. Dal punto di vista dei costi e della durata nel tempo, penso che gli OEM avranno difficoltà ad eliminare totalmente l’uso del vetro. Credo che, per il prossimo futuro, il vetro continuerà ad esserci, soprattutto dal punto di vista della convenienza. " Contrariamente a quanto scrive Wayner del The Atlantic scrive sul suo blog, George Weller, direttore delle operazioni per City Auto Vetro a St. Paul, Minn., pensa anche i report sulla fine del parabrezza siano molto esagerati. "I consumatori preferiranno lo stimolo della vista di un ambiente esterno alla vista della parte interna di un veicolo durante il viaggio", spiega. Brian VanWyk, operations manager per AAA Mid-Atlantic Auto Glass, non è affatto tentato di guidare un veicolo senza vetri. "Vorrei i vetri perché mi piacerebbe vedere dove sto andando o se sono in pericolo," dice. "Quando questi veicoli senza conducente saranno diffusi da un bel po’, i giovani che sono presi dall’uso di dispositivi come smartphone, tablet ecc., probabilmente non si preoccuperanno dei finestrini.

Per quanto mi riguarda avrò sempre bisogno di un volante e di un parabrezza."

Complessità della calibrazione
Mentre i veicoli completamente autonomi non sono ancora diffusi, i sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS) lo sono. Questi sistemi, che utilizzano telecamere per analizzare e reagire all’ambiente esterno ad un veicolo, stanno lentamente diventando standard. Per ora, sono più presenti nei modelli di fascia più alta, dice Rick Zirbes, di Dick and Rick’s Auto Upholstery a Bloomington, Minnesota. L’azienda Zirbes offre molti servizi tra cui la calibrazione ADAS delle telecamere. "Influenzerà ogni veicolo e ogni forma," dice. "Con l’arrivo della comunicazione V2V, le case automobilistiche dovranno offrire sempre più tecnologia simile. Queste telecamere sono in grado di riconoscere pedoni, biciclette, ecc Tutte le case automobilistiche hanno fissato regole e linee guida su come calibrare questi sistemi. Si tratta di una tecnologia “qui e ora”. Sta per succedere. " Zirbes afferma che i vetri oscurati possono interrompere la calibrazione di un veicolo. "Questo può essere un problema", dice. "Userò una Subaru come esempio.

Monta due telecamere sul top e e prevede il posizionamento di un pattern davanti al parabrezza nel caso la calibrazione non avvenisse correttamente.". Questo implica il posizionamento di questo pattern in bianco e nero disegnato da Subaru davanti alla macchina ad una certa distanza ed altezza. Le telecamere sono montate sullo specchietto retrovisore subito dietro al parabrezza e si può solo immaginare l’effetto della pellicola oscurante sulla matrice di punti.". In ogni caso l’oscurazione di un parabrezza è rara, il problema può sussistere ed essere più frequente con eventuali telecamere posteriori. "Attualmente c’è una fotocamera posteriore per le Nissan, ma per adesso serve solo a trasmettere allo specchietto retrovisore", afferma Zirbes, anche se spiega che presto sarà sicuramente migliorata per diventare una telecamera V2V. A quel punto, una pellicola oscurante sul vetro posteriore potrà essere un problema. "Guidiamo le macchine per calibrarle e non lo possiamo fare quando è buio", spiega Zirbes.
"Con una pellicola oscurante e se fa buio in fretta, possono esserci problemi." Aggiunge anche che la pellicola potrebbe dare alle telecamere l'impressione che il parabrezza sia sporco. Potenziale responsabilità La responsabilità è una questione fondamentale, secondo Tommy Patterson, assistente direttore tecnico per Doctor Glass. "Abbiamo ora la questione della responsabilità da affrontare per quanto riguarda la Advanced Driver Assist Systems (ADAS) che sta diventando la parte più integrata in questa dinamica. Il settore si trova ad affrontare il compito fondamentale di determinare come ci occupiamo di questioni di ri-calibrazione sui sistemi attuali in strada oggi. Pensare al di là di oggi o anche di domani sarebbe irresponsabile da parte nostra come industria, "dice Patterson. Se si installano pellicole oscuranti su auto dotate di queste telecamere, la cosa migliore da fare sarebbe quella di impostare un work progress con chi si occupa di calibrazione, successivamente all'installazione, perché si tratta di un costo importante. Zirbes afferma che il costo di tutti gli strumenti necessari per calibrare ADAS tra varie marche e modelli va da circa $ 80.000 a $ 100.000, anche se le stime sono fluide. Zirbes una volta ha guidato una macchina per testare la sua calibrazione difettosa e se avesse invocato l’intervento del sistema, le cose sarebbero potute andare male.
"Eravamo impegnati nell'adaptive cruise control dopo la sostituzione del parabrezza", spiega. "Mentre si guida lungo la strada, il cruise control adattivo monitora i veicoli di fronte. Quando il veicolo davanti rallenta, rallenta. Se si ferma, si ferma. È controllato da una telecamera. Da quello che avevamo potuto vedere, funzionava perfettamente senza bisogno di ri-calibrazione. Poi, all'improvviso, una Honda ci ha superato. Il sistema, se attivato, avrebbe forzato il veicolo ad andare a destra verso il posteriore della Honda. " Per acquisire familiarità Se non pensate che la tecnologia senza conducente e la taratura delle telecamere siano qualcosa a cui voi o i vostri installatori non dobbiate essere attenti, ripensateci. Recentemente, dieci grandi case automobilistiche si sono impegnate a rendere lo stop automatico di emergenza di serie su tutti i nuovi veicoli costruiti. Questo a seguito di una proposta di gennaio della NHTSA per aggiungere la frenata d'emergenza automatica alla lista dei dispositivi avanzati di sicurezza consigliati inseriti nel suo programma New Car Assessment.
Molte di queste telecamere sono situate vicino alla parte superiore del parabrezza, una posizione privilegiata per una striscia oscurante. È qualcosa di cui essere a conoscenza, e di cui informarsi prima di farsi prendere da questo tipo di upsell. Che si tratti di tecnologia di oggi o di domani, gli effetti della V2V e dell’ ADAS sull'industria della pellicola per vetro di auto devono ancora essere visti. Una cosa è certa però: è il momento di prestare la massima attenzione.